Cura familiare dell’anziano fragile, incontro pubblico

Nov 19 2014
(0) Comments

Le persone non autosufficienti sono coloro che hanno subito la perdita permanente, totale o parziale, delle abilità fisiche, psichiche, sensoriali, cognitive e relazionali, alla quale consegue l’incapacità di svolgere le azioni essenziali della vita quotidiana senza l’aiuto di altri. La fragilità è intesa come maggiore vulnerabilità dell’individuo allo stress; comporta una limitazione delle attività quotidiane dovuta alla presenza di pluripatologie e un deterioramento della salute e dello stato funzionale, che predispone a esiti negativi. In particolare si tratta di soggetti anziani con comorbilità e instabilità clinica, disabilità e rischio di eventi avversi, con elevata incidenza di ospedalizzazione e/o morte. La presa in carico del soggetto con fragilità e/o del soggetto non autosufficiente ha assunto un ruolo prioritario nella programmazione degli interventi sanitari negli anni recenti, proprio in virtù delle peculiari caratteristiche bio-psico-sociali di tali soggetti. Il carico di una persona con demenza ricade per oltre il 70% sulle spalle della famiglia.

Quali sono le risposte alla cura ed alla assistenza della non autosufficienza nel sistema socio-sanitario lombardo ?

Quale deve essere il ruolo degli enti locali ?

Le risorse e le competenze messe in atto dalle associazioni di volontariato di cui ilnostro territorio è molto ricco compensano i ritardi delle istituzioni, ma per il futuro diventa indispensabile trovare quelle sinergie e quella rete integrata di servizi che possano veramente rispondere ai gravi bisogni presenti nelle fasce fragili della popolazione.

Su questo tema vi sarà un INCONTRO PUBBLICO, Sabato 29 novembre Ore 15.00 promosso dallo SPI CGIL di Lissone, presso la Sala polifunzionale della Biblioteca Civica in Piazza IV Novembre – Lissone

invito LIssone-1

Comments

comments

Leave us a comment