Fisco: finalmente è arrivato il cambiamento…anche a Lissone (parte II)

Mar 30 2016
(0) Comments

In un precedente articolo abbiamo ampiamente parlato del cambiamento che si è verificato nell’ Amministrazione Finanziaria nazionale …. e a Lissone ?

L’ Amministrazione locale ha fatto proprio lo  slogan che  recita così: “se tutti pagano le tasse, le tasse ripagano tutti”… e  quindi tutti paghiamo meno!

In effetti, per quanto riguarda le imposte locali , a livello di ICI ed  IMU, fra il 2012 e 2015,  il Comune di Lissone ha emesso poco meno di 5.000 avvisi di accertamento recuperando gettito per un importo di poco inferiore ai 2 MILIONI di EURO, mentre per quanto concerne IMPOSTA PUBBLICITA’ e COSAP sempre nello stesso periodo sono stati elaborati oltre 1350 avvisi per un accertamento complessivo superiore ai 450 mila euro: nell’arco di 4 anni il recupero ha superato i 2.300.000,00  euro.

Un altro vero esempio di lotta all’evasione si è rivolta al recupero crediti per rette mensa non pagate da anni.

Il Comune, oltre a prevedere nel bando che il gestore della mensa ponga in essere tutte le azioni per ridurre la morosità (solleciti, raccomandate, etc.,) dalla fine del 2015 il Comune chiede ai vecchi morosi di versare quanto dovuto, anche a 4 – 5 anni di distanza.

Si tratta a tutti gli effetti di un recupero insperato dal momento che il Comune deve comunque rifondere la ditta che gestisce la mensa, una volta che questa dimostra di aver inviato tutti i solleciti previsti dal capitolato.

Per Lissone si tratta di una cifra di circa 200.000,00 euro per gli anni che vanno dal 2011 al 2013 che il Comune cerca di recuperare attraverso l’ausilio di una società specializzata in recupero crediti del privato…con strumenti più snelli (la chiamata telefonica) rispetto ad  Equitalia, ma efficaci. Analogo recupero viene posto in essere per le sanzioni del codice della strada rette non pagate all’asilo nido.

Un’altra “innovativa” azione posta in essere è quella della lotta all’uso abusivo/improprio dei sottotetti da parte dei proprietari. E’ un’attività che sta nelle corde della nuova Amministrazione in quanto coniuga il rispetto della legalità (lotta contro gli abusi edilizi) con la lotta all’evasione (recupero oneri di urbanizzazione e ampliamento gettito IMU e  Tari).

Anche in questo caso, per la prima volta l’Amministrazione ha verificato il rispetto delle norme urbanistiche da parte dei  sottotetti accatastati come C depositi e poi invece utilizzati come abitazioni….dimenticandosi dopo 5 anni dall’acquisto di cambiare la destinazione d’uso…tale attività ha fatto recuperare circa 300.000,00 euro di oneri, oltre ad ampliare il gettito IMU e TARI.

L’ampliamento di gettito Tari è stato perseguito anche attraverso la segnalazione, nel 2013,  di ben 1.380 potenziali posizioni non congrue  da parte del Comune al gestore Gelsia che ha contribuito alla riduzione della tassazione TARI (Tassa Rifiuti)  che,  per le utenze commerciali sfiora il 15%  in 3 anni.

Come accennato in un precedente articolo, i “buoni rapporti” con il Fisco a Lissone non si esauriscono solo nel pagare in maniera equa meno imposte ma anche nel semplificare il rapporto con il cittadino/contribuente.

In tal senso occorre citare innanzitutto l’eliminazione dell’”irritante” balzello della tassa (COSAP) sui passi carrai: quasi 3.000 utenti fra cittadini (soprattutto condominii) e imprese non devono più pagare il bollettino annuale “risparmiando tempo e denaro” (oltre 50 euro in media per ciascun passo carraio).

Ciò avviene attraverso vari canali, come il continuo aggiornamento dei regolamenti sui tributi, tempestivamente pubblicati sul  sito comunale, dal quale si può effettuare  il calcolo dei tributi (IMU E TASI), ampliamento degli orari e dei giorni di ricevimento per assistenza e compilazione pagamenti tasse comunali, ad esempio sulla TASI l’ufficio tributi con aperture straordinarie ha ricevuto direttamente migliaia di cittadini, prevalentemente sopra i 65 anni per la compilazione dei modelli di pagamento.

Tale scelta si è rivelata vincente rispetto ad altri Comuni che avevano compiuto lo sforzo di inviare modelli pre-compilati senza il contatto diretto delle persone, con le quali invece si sono migliorate le banche dati. Inoltre il Comune ha evitato di investire forti risorse economiche, strumentali e umane nell’acquisto di software e lavorazione di migliaia di bollettini, per poi dover soprassedere per effetto dell’eliminazione del tributo nel 2016.

La comunicazione semplice ed efficace prosegue anche nel caso dei bollettini TARI, che al contrario di altri Comuni, sono stati suddivisi in 3 rate  (senza conguagli in corso anno) e ampliando la possibilità di rateizzazione del pagamento dei tributi locali, possibilità estesa anche ad altre entrate, quali rette mensa e asili nido.

Anche in materia di Imu, dove sono stati previsti già nel 2015 agevolazioni (rafforzate dal governo per il 2016) per il comodato uso gratuito e per gli immobili locati a canone concordato: per fruire di tali agevolazioni è sufficiente compilare un’autodichiarazione presso l’ufficio tributi, senza alcun passaggio formale e ricorso a “carte bollate” varie.

Occorre evidenziare che tutta l’attività posta in essere dall’ufficio è caratterizzata da un elevato livello di competenza (ad esempio sui quasi 5.000 avvisi di accertamento ICI/IMU i ricorsi ricevuti non superano la decina) messa a disposizione dell’utenza, così come all’inizio del 2016, quando ufficio e assessore hanno provveduto a informare studi commercialisti e CAF delle favorevoli novità introdotte dal governo a titolo interessi e sanzioni sul ravvedimento operoso, cogliendo l’occasione d riepilogare le aliquote e tariffe applicate ai tributi comunali.

A brevissimo termine vi saranno ulteriori novità  e semplificazioni per i contribuenti lissonesi in merito al versamento dei tributi attraverso l’approvazione di un innovativo regolamento delle entrate in cui si prevedono e si intendono sperimentare nuovi strumenti, quali la compensazione, l’accolto e il baratto amministrativo (tale istituto verrà descritto in un prossimo articolo) per tutti coloro che hanno reali difficoltà nel poter pagare i tributi… anche attraverso questo sito, vi terremo sicuramente aggiornati sugli sviluppi.

Ah, stavamo dimenticando… la nuova Giunta di Lissone, al suo insediamento, nel  giugno 2012, ha  approvato, quale primo atto deliberativo,  l’adesione alla Convenzione con Agenzia Entrate  per la lotta all’Evasione dell’ Irpef….un buon biglietto da visita e viatico per il cambiamento se si pensa ai risultati raggiunti e soprattutto per quelli ancora da ottenere…

E’ proprio il caso di dire: benvenuto cambiamento….anche a Lissone.

Testo di Domenico Colnaghi e Giovanni Minerva

Comments

comments

Leave us a comment