L’impegno concreto sulla scuola

Oct 17 2014
(3) Comments

L’impegno di questa amministrazione comunale nell’ambito della scuola sta cominciando a delinearsi in maniera netta e chiara, con fatti concreti.
L’aumento delle sezioni nelle scuole dell’infanzia (Piermarini e Pacinotti), sono state la prima e forte risposta da parte del Comune che da qualche anno si sta trovando di fronte ad un forte aumento della popolazione scolastica. Sono stati assegnati nuovi insegnanti dal Provveditorato, integrati però da uno sforzo economico, di denaro pubblico, per garantirne l’organico completo.
Uno sforzo enorme è stato quello di aumentare il contributo alle scuole paritarie: queste garantiscono oggi un posto a scuola al 50% dei bambini che frequentano i nostri plessi, una scelta contestata anche da qualcuno che fa parte della maggioranza, ma che ha di fatto permesso alle famiglie di non vedersi aumentare le rette a dismisura. Rette diversificate dal valore Isee, grazie al quale abbiamo compiuto una scelta di equità: per chi ha reddito basso, la retta passa da 150 a 90 o 120 euro, mentre la maggior parte delle famiglie  pagherà ancora 150 euro, infine chi ha redditi più alti o decide di non presentare l’Isee pagherà una retta, non superiore 210 euro.
Importanti interventi anche sulla scuola primaria: alla scuola Tasso, nel quartiere Da La Dal Punt, uno dei quartieri maggiormente urbanizzati per volere delle precedente amministrazioni. E’ stato rifatto il refettorio, creato lo spazio per due nuove aule e costruita la scala antincendio.
Rifatta anche l’aula di informatica che ormai era inutilizzata: grazie ad un gruppo di tecnici che si ritrova su base volontaria, utilizzando sistemi operativi Open Source e computer destinati alla dismissione hanno praticamente ricostruito un gioiellino tecnologico a costo zero.
Per finire, l’annuncio del rifacimento del refettorio della scuola Moro: grazie al decreto “scuole belle”, varato prima dell’estate dal governo Renzi e che l’amministrazione non si è lasciato sfuggire.

E’ faticoso certo, ma è una grande soddisfazione quando le promesse si tramutano in fatti concreti.

Piantina del progetto scuola Moro:

Moro

Comments

comments

3 Comments
  • E’ tradizione CONSOLIDATA NEGLI ANNI il pieno supporto che l’Amministrazione di Lissone, a prescindere dal suo “orientamento politico”, ha SEMPRE garantito al sistema educativo ed in particolare alla scuola dell’obbligo del nostro Comune. In una situazione di forti cambiamenti (dal punto di vista sociale, culturale, economico….) e di serie difficoltà sia nel reperire risorse sia nel definire le giuste priorità, è essenziale dare la massima visibilità e garantire la piena comprensione delle necessità future delle nostre scuole. A ciò si deve sommare IL FORTE IMPEGNO che il Governo guidato da Renzi sta dimostrando con il progetto “La buona Scuola”. Ritengo sia auspicabile che l’Amministrazione Comunale promuova incontri con Docenti, Genitori, Esperti … per discutere e condividere problemi ed opportunità del futuro per “la scuola” a Lissone.

    Gianni Paltrinieri
  • Ci tengo a fare presente che il gruppo che sta installando la nuova aula informatica nella scuola Tasso è composta da persone di diversi schieramenti politici ed il progetto è stato proposto da un membro della minoranza.

    Timothy
  • Non capisco la precisazione alquanto inutile Timoty. Il gruppo di tecnici citati nell’articolo, si ritrova su base volontaria e si è formato due anni fa, dopo una mozione del Consigliere Battocchio sull’Open Source in Consiglio Comunale. Il progetto della scuola Tasso, nato da una precisa esigenza della scuola evidenziato dai verbali dell’associazione genitori, non c’entra niente con la mozione presentata, ma è stata un’occasione colta al volo.
    Su questo progetto il gruppo di lavoro si è messo all’opera con grande passione e determinazione.
    Se vogliamo proprio essere precisi, precisiamo bene.
    L’obbiettivo è di far conoscere il più possibile questo lavoro, in maniera da poterlo “esportare” in altri plessi che hanno lo stesso problema “informatico” della scuola Tasso.

    Giancarlo

Leave us a comment