Meno tasse per commercianti e artigiani

Feb 05 2016
(0) Comments

In merito ad alcune perplessità emerse nei giorni scorsi e riportate dagli di stampa locali, ci teniamo a dare evidenza di questo comunicato stampa pubblicato sul sito del comune a cui ha contribuito la stesura il nostro Assessore al Bilancio, Domenico Colnaghi.

Comunicato Stampa del comune di lissone

Lissone ha le tasse più basse della Brianza per le categorie produttive? Non siamo così lontani dal vero… Basta tracciare un confronto con alcune altre città a noi vicine e fare il conto. In effetti su negozi, laboratori e capannoni (categorie D) Lissone è la città più “competitiva” a livello di tasse (nonostante l’incremento del 2015, da noi si preleva oltre il 20% in meno  rispetto alle altre città). Ponendo ad esempio l’ipotesi di un commerciante o artigiano proprietario di abitazione di residenza  ( valore € 109.200, cat. A3 con  rendita  € 650) e di tre immobili: negozio C1 (valore € 133.000), laboratorio (C3 € 54.000,00) e capannone (D1 € 169.000,00), ecco il confronto delle imposte immobiliari dal 2013 al 2015:
COMUNE
IMU
su
negozio
TOTALE
triennio
negozio
IMU su
laboratorio
TOTALE
triennio
laboratorio
2013
2014
2015
2013
2014
2015
Lissone
1.011
1.011
1.237
3.259
410
410
502
1.322
Brugherio
1.410
1.410
1.410
4.230
572
572
572
1.716
Desio
1.303
1.303
1.303
3.909
529
529
529
1.587
Meda
1.303
1.410
1.410
4.123
405
459
459
1.323
Seregno
1.357
1.357
1.357
4.071
551
551
551
1.653
COMUNE
IMU + TASI
Capannone
TOTALE
triennio
Capannone
TOTALE
tasse
triennali
2013
2014
2015
Lissone
1.284
1.284
1.571
4.139
8720
Brugherio
1.791
1.791
1.791
5.373
11319
Desio
1.656
1.656
1.656
4.968
10464
Meda
1.791
1.791
1.791
5.373
10819
Seregno
1.724
1.724
1.724
5.172
10896

Dunque il commerciante o l’artigiano lissonese in questo caso di studio in tre anni ha risparmiato, rispetto a un collega di Brugherio nella stessa situazione, ben 2599 euro e comunque oltre duemila euro rispetto a Meda e Seregno e circa 1700 su Desio; si va dunque da oltre 800 a 600 euro annui di minori tasse sugli immobili produttivi. Se poi aggiungiamo le tasse sulla prima casa, ecco il raffronto:

COMUNE
TOTALE
triennio negozio
DIFFERENZA
rispetto

a Lissone –
IMU su

negozio
TOTALE
triennio
laboratorio
DIFFERENZA
rispetto

a Lissone –
IMU laboratorio
TOTALE
triennio
capannone D1
Imu + Tasi
DIFFERENZA
con Lissone
capannone D1
Imu + Tasi
Lissone
3.259
1.322
4.139
Brugherio
4.230
+ 971
1.716
+ 394
5.373
+ 1.234
Desio
3.909
+ 650
1.587
+ 265
4.968
+ 829
Meda
4.123
+ 864
1.323
+ 1
5.373
+ 1.234
Seregno
4.071
+ 812
1.653
+ 331
5.172
+ 1.033
COMUNE
DUFFERENZA
totale
con Lissone
immobili produttivi
IMU+TASI abitazione principale A3*
TOTALE
triennio
Abitazione
principale
DIFFERENZA
rispetto
a Lissone
abitazione
principale
RISPARIMIO
lissonese
totale
in 3 anni
2013
2014
2015
Lissone
0
173
173
346
Brugherio
2599
0
328
328
656
+ 310
3255
Desio
1744
0
273
273
546
+ 200
2290
Meda
2099
0
360
360
720
+ 374
2819
Seregno
2176
0
250
250
500
+ 154
2676

* l’Imu dal 2013 non si applica, la Tasi è vigente dal 2014

Se dunque un imprenditore/commerciante residente a Lissone e  proprietario di 4 immobili, di cui 3 produttivi, ha pagato circa 1500 euro di tasse l’anno, i suoi colleghi di Brugherio sono arrivati in media a 2600, seguiti dai cittadini di Meda (2450 circa), Seregno (2400) e Desio (2250).

Completiamo l’analisi con due esempi per quanto riguarda la TARI, la tassa sui rifiuti (al netto dell’addizionale provinciale). Un bar pasticceria di 100 mq nel 2012 a Lissone ha pagato 1.210 euro, mentre nel 2015 ha dovuto 1.029 euro (-181); un laboratorio da falegname della stessa superficie nel 2012 ha versato per i rifiuti 250,80 euro e l’anno scorso 213,70 euro (-37,10). La diminuzione media della tassa rifiuti per le attività economiche lissonesi nel triennio dal 2012 al 2015 è stata circa del 14,90%. In altre parole se  “un capannone” nel 2012  si pagava una tassa di 1.000 euro, ora ne paga circa 850 euro l’anno. Infine, anche l’eliminazione della Cosap nel 2015 sui passi carrai ha contribuito a ridurre l’esborso di 80-100 euro annui in media  per ciascuna impresa con autorizzazione per passo carraio.

Si tratta pur sempre di tasse, ma tutte le Amministrazioni si sono trovate ad  in un contesto di aumentata ristrettezza di mezzi e risorse,  così come gli operatori commerciali in tempo di crisi. Il Comune di Lissone  ha cercato di collaborare con una politica fiscale equa.

 

Comments

comments

Leave us a comment